Un giorno un'insegnante di recitazione prese una scatola di Tachipirina, estrasse il bugiardino e lesse il paragrafo sulle interazioni. Promise di farmi venire i brividi. E non c'entrava la febbre.

Da allora capii che la voce può smuovere mondi.

Qualunque siano le sillabe su cui si posi.

www.lavocechetocca.com

 

 

Ad agenzie pubblicitarie, videomaker, centri di post-produzione audio/video mi do a parole.

Sono coinvolto, di concerto con operatori del mondo dei media, in iniziative di comunicazione, in cui l'emozione è anche comunicazione.

Come la campagna tv Babbel corsi di lingua (2013) o le campagne radio Monge (2014), Best Tours (2015), Meridiana (2015-6), Cisl (2017). Per Chiquita (2017) ho inciso un trailer-concorso diffuso nei cinema (abbinato al film d'animazione Minions).

Nel 2018 sono finalista per il "Premio Più Luce", promosso dalla Fondazione del Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS).

Ho scritto un libro sulla voce (completo di tracce audio). "Gestire la cadenza dialettale - per colloqui di lavoro e il personal branding". Questa la pagina su Mondadori Store.

Gestisco le richieste in modo reattivo, veloce e indipendente.
Lettura informativa e neutra per corporate video o campagne istituzionali. Coinvolgente resa emozionale per soggetti recitati.

• lettura in inglese

post-audio fast per gestione flussi di lavoro intensi e deadline ravvicinate

• specialità: parti recitate.
Prendersi cura dei pensieri per fare speciale la voce
Ho sempre adorato leggere.​

Una delle più impervie montagne di carta che abbia mai scalato è stato l'Ulisse di James Joyce

Una lettura ostica, spesso impenetrabile, oscura, esoterica. La tentazione di abbandonare la "nave" più volte mi ha costeggiato: volentieri avrei scagliato il libro contro il muro, in un liberatorio e plateale gesto, magari finendo anche per inaugurare una nuova specialità olimpica (il lancio del "mattone", con buona pace dei vicini).
Ciò nonostante, e dopo un tortuoso peregrinare, alla fine sono approdato a Itaca, dove ad aspettarmi c'era la poco fedele Penelope (ovvero il suo contraltare irlandese Molly, la moglie del protagonista Leopold Bloom).
 
Nell'ultimo capitolo la donna esterna i suoi pensieri  così come le affiorano, in otto infinite frasi senza punteggiatura e senza censura alcuna (il famoso stream of consciousness, il flusso di coscienza).​
 
Ma perché prendersi la briga di leggere Joyce quando ci sono ben più amene letture?

Quello che ho tratto da questa escursione letteraria è che la realtà è stratificata, complessa, cangiante. Ma la bellezza sta proprio in questo: nella non riduzione a schemi, nella plurivocalità, nel senso che diviene sempre.​
 
Leggere fa bene alle parole.

La lettura è una delle fonti con cui arricchisco il pensiero.
 
Guardarsi dentro, nella lontananza delle proprie profondità, per riemergere con della prospettiva in più.

Bellezza e profondità alimentano costantemente la mia voce, che è riflesso del mondo di dentro.
Andare oltre il nudo dire. Smuovere. Toccare.
Sinesteticamente lavocechetocca.
--
​​​

 

 

Sarto Sound di Ventura Francesco - p. iva 07766560721

È vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti di questo sito.

  • SoundCloud Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Clean